Quel derby senza rivalità  E con i due capitani solidali
Andrea La Torre

Quel derby senza rivalità

E con i due capitani solidali

Ieri avrebbe dovuto giocarsi Varese-Cantù, ma la sfida virtuale va comunque in scena per raccogliere fondi.

Niente derby Varese-Cantù in campo (non ci fosse stato il coronavirus, si sarebbe dovuto disputare ieri a Masnago), la sfida è ormai da qualche giorno spostata sul campo della solidarietà. Continua infatti l’iniziativa “All Togther Now”, lanciata dalle due società, con il contributo decisivo dei due rispettivi azionariati popolari, “Il basket siamo noi” e “Tutti Insieme Cantù”: l’idea è raccoglie e fondi da destinare alla Croce Rossa di Cantù e al Polo Ospedaliero di Varese.

Le pagine social dei due club stanno pubblicando i videomessaggi dei vari testimonial dell’iniziativa. Ieri è stato il turno dei due capitani, il varesino Giancarlo Ferrero e il canturino Andrea La Torre, impegnati in un’intervista doppia. Ferrero ha ricordato il suo primo derby: «Risale a cinque anni fa: vincemmo in casa, fu una svolta per me. Entrai nel terzo quarto e fu la mia prima doppia cifra».

Più recente il ricordo di La Torre: «Natale 2018, a Masnago: perdemmo, ma fu una partita sofferta e combattuta». Il ricordo più bello? Per Ferrero «la vittoria nel febbraio 2018, battemmo Cantù al Paladesio dopo tanti anni: al ritorno c’erano i nostri tifosi ad aspettarci, fu una bella festa», per La Torre «ogni derby dà sensazioni bellissime, la pressione nel prepartita è fantastica». L’avversario più ostico incontrato? JJ Jonsonh per il capitano di Varese, Avramovic per quello di Cantù.

Varese-Cantù negli ultimi anni ha perso parte del suo fascino, per le limitazioni alle trasferte dei tifosi: «Io non ho mai giocato un derby con le due tifoserie - spiega Ferrero -: è ora di riaprire le curve, facciamo un passo in avanti per far sì che possa avvenire». Finale con gli inviti congiunti a donare: «Quando due avversari si mettono insieme per un’iniziativa così, può nascere qualcosa di incredibile».

Sono stati già raccolti quasi 10mila euro, c’è tempo fino a lunedì 13 per fare una donazione: basta collegarsi alla pagina https://www.gofundme.com/f/vinciamolo-insieme e scegliere l’importo della donazione. Gli organizzatori hanno indicato alcuni importi, come se fosse un “botteghino”: curva 5 euro, galleria 10 euro, tribuna silver 20 euro, tribuna gold 50 euro, parterre 100 euro, courtside 200 euro. Ma ognuno può liberamente decidere la somma da donare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA