Recalcati: «Landry? Io ci conto  E intanto dico bravo a Berti»
Carlo Recalcati (a destra) accanto a Gianluca Basile e alle rispettive signore

Recalcati: «Landry? Io ci conto

E intanto dico bravo a Berti»

Il coach di Cantù: «La sua firma c’è da tempo, ora spetta alla proprietà decidere. Il nostro ds è stato abilissimo a condurre la trattativa».

«Approfittando dell’ospitata alla serata-celebrazione di Gianluca Basile in Puglia, mi sono preso una settimana di ferie sul Gargano. Che poi tanto vacanza non è perché sono costantemente in contatto sia con Gianluca Berti sia con Marco Sodini per restare al corrente delle evoluzioni riguardanti il mercato e non solo».

D’uopo chiedere al coach biancoblù cosa ci possa svelare relativamente alla questione legata al possibile ingaggio di Marcus Landry, ovvero del miglior giocatore dell’ultima regular season di serie A con la maglia di Brescia.

«Il contratto con la firma dell’ala americana ormai da diversi giorni è stato fatto pervenire nella sede della nostra società - spiega - ma al momento non è stato ancora controfirmato dalla proprietà. In attesa che quest’ultima sciolga la riserva noi siamo in stand-by perché prima di avviare trattative con altri giocatori dobbiamo sapere se Landry farà o meno parte della squadra. Personalmente mi auguro di poter contare su di lui. Intanto però il nostro mercato è bloccato».

Riguardo la trattativa che ha portato Landry ad accordare fiducia a Cantù, Recalcati ha parole d’elogio per il direttore sportivo Gianluca Berti. «Devo riconoscere che è stato molto brillante oltre che tempestivo nel condurre l’operazione - il suo pensiero -. Ammetto che al momento del mio arrivo alla guida di questa squadra, Berti era un dirigente che non conoscevo personalmente. Ebbene, in questi mesi di collaborazione reciproca ho avuto modo di scoprire una professionista serio e competente oltre che una persona di sicuro affidamento».


© RIPRODUZIONE RISERVATA