Roda d’acciaio, Tricolore GT  «Dieci anni dopo mio papà»
Giorgio Roda e la Ferrari in azione a Monza (Foto by foto Selva)

Roda d’acciaio, Tricolore GT

«Dieci anni dopo mio papà»

Una vittoria in rimonta e il terzo titolo in sette anni.

Nel tempio della velocità Giorgio Roda, con la vittoria, festeggia il titolo italiano GT Endurance.

Alla 3 Ore di Monza, nel primo stint di gara, condotto da Giorgio Roda, la Ferrari 488 Gt3 Evo ha faticato più del dovuto, relegando il terzetto del Cavallino Rampante attorno alla decima posizione. La safety car entrata in pista al termine della prima ora e una rimonta forsennata di Alessio Rovera e Antonio Fuoco, unita ad una serie di contatti che hanno messo fuori dai giochi i diretti avversari, hanno consentito alla Ferrari di centrare la seconda vittoria in campionato dopo quella di Imola e di arrivare a 47 punti, mettendosi alle spalle l’Audi R8 di Agostini, Mancinelli e Drudi, a 8 lunghezze di distanza.

Proprio un contatto tra la vettura dei 4 anelli e la Bmw M6 di Comandini - Zug - Krohn ha deciso le sorti del campionato con la Bmw ritirata ai box e l’Audi penalizzata di 5 secondi e retrocessa in seconda posizione a 2 secondi e 8 dalla “rossa” di Roda, Rovera e Fuoco. Una vittoria che regala il terzo titolo in carriera per il pilota comasco vincitore nel 2014 in classe Gts nel GT Open, nel 2018 in classe LmGte nell’European Le Mans Series e nel 2020 Campione Italiano Gran Turismo Endurance.


© RIPRODUZIONE RISERVATA