Scende in campo Bernardinello Corre per la presidenza del fisso
Barbara Bernardinello

Scende in campo Bernardinello
Corre per la presidenza del fisso

Una comasca in lizza per la massima carica nazionale

Sono due i comaschi candidati all’assemblea nazionale ordinaria della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso per il quadriennio 2021 -2024, in programma domenica alle ore 10, a Villa Ponti di Varese.

Barbara Bernardinello di Torno è in corsa per la presidenza, mentre Emiliamo Valli della Sportiva di Lezzeno tra i candidati in quota società. Il lago di Como, si muove dunque, per riprendere le redini del sedile fisso nazionale, dopo i tre mandati consecutivi di Narcisio Gobbi, dal 2005 al 2016, ma dovrà vedersela con il presidente uscente, il varesino Marco Mugnani, alla guida della federazione dal 2017 e che ripropone la sua candidatura. Nella storia del sedile fisso, se Barbara Bernardinello dovesse spuntarla su Mugnani, non sarebbe la prima donna presidente, in quanto nel quadriennio 2001 – 2004 alla massima carica federale fu eletta la romana Lucia Vanicore.

Barbara Bernardinello, classe 1979 è laureata in economia e commercio e lavora nel campo della intermediazione finanziaria. In campo sportivo è la figura di riferimento della Canottieri Plinio Torno, prima come atleta e tuttora dirigente. Conosce molto bene i problemi delle società remiere ed aspira alla massima carica federale per dare un’impostazione nuova e più coinvolgente dell’intero settore nelle decisioni da prendere per affrontare i disagi creati dalla pandemia.

«Ho contattato tutti i presidenti delle società italiane – spiega – presentando il mio programma che ha come obiettivo primario la ricostruzione del tessuto territoriale , dotando i delegati provinciali di maggiori risorse da reperire con il potenziamento dell’ufficio marketing per consentire alla federazione di ricevere l’attenzione del mondo delle aziende, così da ampliare l’attività agonistica».

Per quanto riguarda Emiliano Valli è personaggio molto noto, essendo tuttora attivo come master, nelle gare sia delle “Jole” sia delle “Lucie”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA