Ufficiale: Lawal è di Cantù
Gani Lawal si produce in una schiacciata

Ufficiale: Lawal è di Cantù

Il club brianzolo ha ufficializzato l’acquisto del lungo nigeriano.

La Pallacanestro Cantù ha ingaggiato per la prossima stagione il centro statunitense, di passaporto nigeriano, Gani Lawal.

Lawal, nato a College Park, in Maryland, il 7 novembre del 1988, ha iniziato la scorsa stagione con l’EA7 Emporio Armani Milano, prima di trasferirsi in D League dove ha vestito le maglie dei Delaware 87ers, dei Westchester Knicks e dei Reno Bighorns.

Uscito dal college di Georgia Tech nell’estate del 2010, il centro è stato scelto dai Phoenix Suns con cui ha giocato nella stagione 2010- 2011 alternandosi con la formazione di D- League degli Iowa Energy.

Nell’annata successiva Lawal ha fatto il suo debutto in Europa, con la squadra polacca dello Zastal Zielona Gora, facendo registrare 14,7 punti e 10,2 rimbalzi per gara prima di tornare ai Phoenix Suns. Nella stessa stagione il nigeriano ha militato anche in Cina, agli Xinjiang Gyang Hui Flying Tigers, e in Francia, ai Chorale de Roanne Basket.

Nel 2012- 2013 Lawal ha esordito in Italia, all’Acea Roma, con cui ha raggiunto la finale scudetto, superando in semifinale proprio la Lenovo Cantù. In quell’annata il centro si è affermato come miglior rimbalzista, con 8,4 rimbalzi di media a partita, e secondo stoppatore, con 1,5 stoppate a match, del campionato italiano oltre a realizzare 13,7 punti di media a sfida.

Dopo aver iniziato la stagione successiva al Vef Riga ed essere stato firmato per un mese dai Philadelphia 76ers, il centro è tornato in Serie A nel novembre del 2013 vestendo la maglia dell’Armani Jeans Milano con cui ha vinto lo scudetto e ha disputato l’Euroleague facendo registrare nella competizione 6,3 punti e 4 rimbalzi di media a partita.

Nell’estate del 2014 Lawal si è trasferito in Turchia, al Trabzonspor Basketbol, prima di passare nel mese di gennaio al Panathinaikos con cui ha giocato nuovamente l’Euroleague. Nel 2015- 2016 un nuovo ritorno a Milano per il lungo che è rimasto in bianco- rosso per due mesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA