UnipolSai Briantea84 a Desio  Sfida decisiva per lo scudetto
I tifosi potranno salutare Bell, l’americano andrà a giocare in Germania

UnipolSai Briantea84 a Desio

Sfida decisiva per lo scudetto

Oggi alle 18 la squadra canturina può festeggiare il tricolore dopo aver vinto gara 1 sul campo del Porto Torres

Ora della verità per la UnipolSai Briantea84, che oggi alle ore 18 ospiterà nel salotto del PalaBancoDesio il Gsd Porto Torres per gara due della finale scudetto 2016/2017.

Per i canturini allenati da Marco Bergna battere i sardi significherebbe cucirsi subito sul petto il secondo tricolore consecutivo, senza correre rischi nell’eventuale gara tre che si giocherebbe il 27 maggio in Sardegna. Nel primo incontro valido per lo scudetto i biancoblù hanno avuto la meglio sul parquet di Porto Torres per 64-61. Obiettivo del sodalizio brianzolo è quello di arrivare a 6.000 spettatori, dopo che nelle ultime due finali giocate al Pianella di Cucciago si sfiorarono 4.000 presenze nelle sfide contro il Santa Lucia Roma.

«Il senso di questa sfida non sta nei numeri o nei record di presenze - sottolinea il presidente Alfredo Marson - A noi interessa che la gente in massa ami lo sport paralimpico. Ci credo dal primo giorno, vedo i progressi e i cambiamenti culturali. Avere 2.000 o 4.000 persone a Desio, se ci pensiamo bene, non fa differenza. A generare il cambiamento sono i passi che compiamo ogni giorno, costantemente, senza arrenderci. Non dimentichiamoci le 800 persone che per tutta la stagione hanno riempito il palasport di Seveso. Sono certo che arriveremo anno dopo anno ad avere su tutti i campi questa adesione, come abbiamo visto anche a Porto Torres in gara uno. È un percorso lungo, l’importante è non fermarsi. Noi ci proveremo e saremo felici di poter regalare meravigliose emozioni a chi ci sarà».


© RIPRODUZIONE RISERVATA