Vinci ospite a Cantù  a vedere gli Arnaboldi
Roberta Vinci con Federico (a sinistra) e Andrea Arnaboldi

Vinci ospite a Cantù

a vedere gli Arnaboldi

Roberta, la tennista italiana che sfidò la Williams, al centro canturino per seguire i due fratelli.

Aveva osato sfidare la Forza Distruttrice. E già questo era una prova di estremo coraggio. Lei, Roberta Vinci, scricciolo di 163cm per 59kg, contro i 175cm per 72kg di devastante potenza. Quelli di Serena Williams. Indiscussa numero uno mondiale, già trionfante in quel 2015 nei tre slam precedenti gli US Open, ultimo ostacolo per entrare nella leggenda e realizzare così il Grande Slam, impresa riuscita solamente e tre tenniste in precedenza.

Inevitabile questa premessa per significare l’onore di averla avuta come ospite al Circolo Tennis Cantù in occasione di un allenamento dei cugini Arnaboldi, Andrea e Federico, rispettivamente al numero 288 e 874 della classifica ATP. «Grazie ad un amico comune siamo riusciti ad ospitare Roberta nel circolo cittadino – ci spiega Andrea -. Avevo già avuto modo di conoscerla, incrociandola in qualche torneo, ma è stato comunque un grande piacere vederla seguire con attenzione a bordo campo il nostro allenamento. Ed è stata gentilissima a darci qualche consiglio, soprattutto a Federico. Se ci sarà qualche altra occasione ha promesso che ritornerà volentieri».

Roberta Vinci si è poi fermata per pranzo al ristorante Nano del centro sportivo canturino, dispensando sorrisi, autografi e selfie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA