Sabato 07 Novembre 2009

Dopo strage Fort Hood Obama loda esercito in discorso del sabato

Washington, 7 nov. (Ap) - All'indomani della strage nella base militare del Texas, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha rivolto un messaggio destinato a rassicurare il popolo americano, ancora sotto shock per quanto avvenuto a Fort Hood. Obama Nel suo discorso settimanale diffuso via radio e via internet, alla vigilia del Veterans Day, il capo di stato statunitense ha spiegato come l'addestramento svolto per salvaguardare le truppe operanti all'estero abbia salvato la vita a molti soldati e permesso di mettere fine alla sparatoria di Fort Hood. Obama ha lodato l'eroismo di coloro che sono intervenuti e hanno fermato l'omicida, il maggiore Nidal Malik Hasan, che ha ucciso 13 militari e ne ha feriti altri 30. Il presidente statunitense ha voluto poi ringraziare tutti coloro che prestano servizio in uniforme, sottolineando le loro pecurialità: "Sono americani di ogni razza, di ogni religione, di ogni ceto sociale: ci sono cristiani e musulmani, ebrei, indù e non credenti, sono discendenti di immigrati o immigrati essi stessi. Riflettono la diversità che costituisce la caratteristica di questa America. Ma ciò che condividono è il patriottismo, come nessun altro". Obama ha nuovamente chiesto di avere pazienza in attesa dei risultati delle inchieste: "Noo possiamo sapere cosa ha spinto un uomo a compiere un simile gesto. Ma possiamo intanto rivolgere il nostro pensiero a tutte le donne e gli uomini rimasti feriti a Fort Hood. Ed essere vicini alle famiglie che hanno perso un proprio caro in questa tragedia nazionale". Il portavoce della Casa Bianca ha detto che Obama sarà presente alla cerimonia funebre per le vittime della strage, una cerimonia che si svolgerà secondo i desideri dei parenti delle vittime e non in funzione degli appuntamenti del presidente. Con tutta probabilità la partenza di Obama per il Giappone sarà rinviata di un giorno. Fcs nov 09

VGP

© riproduzione riservata