Lunedì 16 Novembre 2009

Sanremo/ Clerici: Sarò padrona di casa, nessuna co-conduzione

Roma, 16 nov. (Apcom) - La 60esima edizione di Sanremo sarà il Festival di Antonella Clerici. "Non ci sarà nessuna co-conduzione - chiarisce la presentatrice - circondarmi di bei valletti sarebbe stato più facile, ma il mio ruolo sarà quello di padrona di casa, sarò la conduttrice e sarò da sola. L'idea è che vengano a trovarmi grandi artisti italiani e internazionali, anche più di uno a serata, che stiano sul palco dai 10 ai 30 minuti e che abbiano voglia di mettersi in gioco. Prima di me le uniche donne che hanno condotto il Festival di Sanremo sono state Simona Ventura, Loretta Goggi e Raffaella Carrà. Per una volta che all'Ariston torna una donna non va sminuita. Io questo palco lo conosco bene, nel 2005 ci sono stata con Paolo Bonolis, poi per gli Oscar della Tv e per due edizioni di 'Ti lascio una canzone'. Non dico di meritarmi questo ruolo, ma dopo 25 anni di televisione penso di avere tutte le caratteristiche per salire su quel palco. Quando a condurre è un uomo si dà troppo per scontato che funzioni, per una donna non è mai lo stesso". Il Festival, che andrà in onda su Raiuno nelle cinque giornate dal 16 al 20 febbraio, avrà sostanzialmente quattro novità: l'apertura al dialetto in gara, il fatto che autore-interprete-compositore potranno non essere italiani, la partecipazione diretta tra gli 'Artisti' per il vincitore di 'X Factor', che verrà decretato il 2 dicembre, e la possibilità per i 'Giovani' di partecipare con canzoni non inedite, che tutto il pubblico potrà ascoltare in streaming sul sito Sanremo.rai.it dal 3 dicembre (i giovani potranno inviare i propri brani fino al 15 dicembre). "Sulle canzoni che arriveranno via internet nessuno selezionerà: tutti i file che ci arriveranno potranno essere ascoltati da tutti. Noi della SanremoAcademy controlleremo solo che non ci siano volgarità - ha spiegato oggi il direttore artistico Gianmarco Mazzi - l'idea è stata della Clerici. In questo modo potremmo dare spazio ai talenti nascosti. Poi la commissione sceglierà e avrà responsabilità maggiore perché se esclude dal Festival di Sanremo il nuovo Vasco gli italiani potranno farglielo notare, e sarebbe grave". Non fa parte della commissione SanremoAcademy Antonella Clerici. "Secondo me ognuno deve fare il proprio lavoro, sono contrarissima alla tuttologia e non mi sento in grado di fare questo tipo di selezione. Credo che la maturità di un conduttore stia nel delegare. Mi piace che cada il tabù della canzone inedita e che i giovani abbiano una chance prima che il festival inizi". Per la sezione 'Artisti' parteciperanno 14 cantanti mentre 8 saranno i giovani in gara nella sezione 'Sanremo Nuova Generazione' e torna la giuria demoscopica composta dalla Sanremo Festival Orchestra. Il peso percentuale del voto della giuria demoscopica sarà sempre del 50% (l'altro 50% è affidato al televoto) tranne che nella decretazione del vincitore tra gli Artisti. "Siamo tranquilli perché il pubblico non decide mai da solo - ha spiegato Mazzi - per noi il giudizio competente è quello della Sanremo Festival Orchestra. Il pubblico deciderà solo alla fine per quanto riguarda gli artisti mentre per i giovani non sarà definitivo il voto del pubblico", ha sottolineato.

CAW

© riproduzione riservata