Mercoledì 18 Novembre 2009

Meredith/ Iniziato appello Guede, 'mia colpa non averla salvata'

Perugia, 18 nov. (Apcom) - "Non ho ucciso né violentato Meredith Kercher". Con questa premessa l'ivoriano Rudy Guede, già condannato a 30 anni dal Gup Paolo Micheli per l`omicidio di Meredith Kercher, ha aperto il processo in Corte d`Appello a Perugia. Un grado di giudizio che questa mattina la Corte d`Assise ha deciso di svolgere a porte aperte, accogliendo la richiesta della difesa che "vuole mostrare all`opinione pubblica la verità sulla morte della ragazza inglese". Guede, nelle sue dichiarazioni spontanee, ha lanciato un messaggio alla famiglia Kercher. rivolgendosi direttamente all`avvocato Francesco Maresca: "Non sono quello che ha tolto la vita alla loro figliola. L`unica cosa della quale la mia coscienza deve rispondere e per la quale nessun tribunale potrà assolvermi è quella di non aver fatto tutto il possibile per tentare di salvare Metz". Una linea di comportamento dell`ivoriano che era stata già annunciata dagli avvocati Valter Biscotti e Nicodemo Gentile.

Bnc

© riproduzione riservata