Sabato 19 Dicembre 2009

Usa/ Sanità,senatore Nelson toglie veto: adozione riforma vicina

Roma, 19 dic. (Ap) - Niente più veti al Senato di Washington sulla riforma sanitaria voluta dal presidente Barack Obama: il senatore democratico Ben Nelson, che teneva in ostaggio la riforma per un solo voto, ha deciso di togliere il suo 'veto', dopo aver ottenuto nuove concessioni sui limiti ai finanziamenti pubblici per gli interventi di aborto. La riforma, anche se fortemente annacquata rispetto alla sua versione originaria, si avvia così verso un voto pre-natalizio, come nelle intenzioni di Obama. L'ipotesi più probabile sembrerebbe quella di un voto del Senato la sera del 24, alle 19 (la notte di Natale in Italia). In ogni caso, anche se il Senato approvasse la riforma in tempo per la firma di Obama bisognerebbe attendere il lavoro dell'apposita commissione bicamerale che dovrà appianare le differenze tra le due versioni della legge uscite da Camera e Senato. Tempi che fanno slittare nel migliore dei casi il varo definitivo della legge a metà gennaio. "So che questo è difficile da accettare per alcuni dei miei colleghi e apprezzo il loro diritto a dissentire, ma non avrei votato per per questa legge senza queste previsioni". Nelson ha spiegato di essersi battuto per impedire la cosiddetta 'public option', cioè un'assicurazione pubblica e a tutti gli effetti in concorrenza con quelle private. Fonti dei democratici al Congresso hanno rivelato oggi che un rapporto di bilancio che sarà reso pubblico entro alcune ore prevede risparmi di 130 miliardi di dollari in 10 anni come conseguenza dell'approvazione della legge di riforma, e la possibilità di risparmi ancora più rilevanti nei dieci anni successivi. Secondo le previsioni, la legge dovrebbe estendere la copertura sanitaria a circa il 94% degli americani sotto i 65 anni di età, escludendo dal computo gli immigrati irregolari. La decisione di nelson è stata annunciata mentre il leader della maggioranza Harry Reid rivelava una serie di concessioni sull'aborto e finanziamenti al Nebraska, lo Stato di provenienza di Nelson. La nuova versione della legge prevede nuovi meccanismi per limitare i profitti delle assicurazioni: queste dovranno investire l'80% dei loro ricavi in assistenza medica, mentre saranno proibite pratiche come il diniego di copertura sulla base di malattie pregresse.

Ape

© riproduzione riservata