Sabato 06 Febbraio 2010

G7/ Draghi a Tremonti: le regole le fanno tecnici e politici

Roma, 6 feb. (Apcom) - Chi decide sulle regole nel mondo della finanza per evitare il ripetersi di situazioni di crisi? Ad Iqaluit dove si svolge il G7 finanziario, le temperature polari non sono servite a raffreddare gli animi. E il governatore della Banca d'Italia e presidente del Financial Stability Board Mario Draghi è tornato sulle regole della finanza. Una risposta, indiretta, al ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Nessun botta e risposta, nessun braccio di ferro. Ma Draghi ha replicato, indirettamente, a Tremonti che giusto una settimana fa aveva chiesto che fossero i politici a riscrivere le regole. "Tutti partecipano all'elaborazione delle regole, politici e tecnici", ha detto Draghi, sottolineando che la ripresa non sarà comunque frenata dalla regolamentazione. Nessuna replica, almeno per ora, dal ministro dell'Economia Tremonti, presente anch'egli al vertice che si svolge nella terra degli Inuit. Ma solo sette giorni fa il titolare del ministero dell'Economia, proprio rispondendo alle dichiarazioni rilasciate da Draghi a Davos, sottolineava che le regole finanziarie, tecniche e dei banchieri sono "inutili e dannose", chiedendo "un impegno politico e la politica prende forma nei trattati. Non bastano i convegni, servono i parlamenti", concludeva Tremonti.

Red/Rcc

© riproduzione riservata