Giovedì 04 Marzo 2010

Pdl/ Cicchitto a Fini: Ora uniti,dopo il voto rinnoveremo partito

Roma, 4 mar. (Apcom) - Il presidente dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto, invita il presidente della Camera, Gianfranco Fini, a mettere fine alle "precisazioni, alle punture di spillo, ai sofisticati tentativi per dire che è colpa di uno o di un altro", insomma a "rimandare ogni discussione sul Pdl a dopo il voto" perché "non è questo il momento di litigare". In una intervista al Giornale, Cicchitto risponde "alla battuta di Gianfranco Fini a cui questo Pdl non piace. Adesso dobbiamo portare avanti una mobilitazione unitaria per contrastare l'attuale situazione, in cui si rischia che le elezioni vengano falsate". Ogni discussione sul Pdl, secondo Cicchitto quindi, è rimandata a dopo le elezioni regionali: "Secondo me, accanto alla figura di un leader carismatico occorre un partito ben radicato nel territorio, con regole democratiche e in cui si possa discutere di tutto". Il presidente dei deputati del Pdl esclude che si arrivi a una scissione del partito: "Non credo proprio che ci siano gli elementi per una divisione verticale, con una spaccatura tra chi veniva da Fi e chi da An. Su alcuni temi come il testamento biologico, la cittadinanza o l'immigrazione è pure inevitabile pensarla diversamente. Ma se non viene messa in discussione la leadership di Berlusconi ci si può confrontare benissimo su qualsiasi tipologia di modello di partito". Anche se Cicchitto vede "difficile e complicato" l'approdo a un coordinatore unico, al posto del tre che ci sono ora. "Sarebbe una forzatura anche se ci fosse un vice sotto di lui".

luc-Aqu

© riproduzione riservata