Martedì 09 Marzo 2010

Cinema/ Salvatores: quando mi dissero che stavo per morire

Roma, 9 mar. (Apcom) - Gabriele Salvatores aveva trent`anni quando gli diagnosticarono una leucemia. I medici gli avevano detto che non sarebbe arrivato ai 35, lui è arrivato ai 60 vincendo anche un Oscar. "Trent`anni fa, il Teatro dell`Elfo, che per me era la casa, la famiglia, si stava sciogliendo. Tornando da teatro una sera non mi sento bene, la mattina vado a farmi vedere e scoprono che nel sangue - racconta il regista al settimanale 'Vanity Fair', in edicola domani - ho una quantità di piastrine molto più alta del normale. Avevo 30 anni, mi dissero che era leucemia, che non sarei arrivato ai 35. Ero preoccupato, anche se quelli veramente spaventati erano i miei genitori". Fu ricoverato al Policlinico di Milano. "All`inizio non c`era posto, poi si è liberato un letto e ho scoperto che era quello di Demetrio Stratos, che aveva fatto anche le musiche del mio 'Satyricon'. Due mesi dopo, quando sono uscito dall`ospedale, era il giorno di commemorazione per la sua morte". Poi scoprirono che si trattava di policitemia. "Ancora oggi, ogni tre mesi, vado a fare gli esami, ma non ho problemi, prendo solo degli antiaggreganti. E due volte all`anno faccio un salasso, che trovo una cosa molto romantica: non ci sono più le sanguisughe come nell`Ottocento, ma nella mia fantasia resta quella cosa che faceva chi viveva forti emozioni. Il check-up è un po` noioso, però è molto istruttivo: esci dall`ospedale pensando che sei proprio fortunato. Perché questo insegna la malattia: che - per quanto tu possa stare male - non sei il centro del mondo".

CAW

© riproduzione riservata