Sabato 20 Marzo 2010

Russia/ Giorno della rabbia, in 50 città opposizione in piazza

Kaliningrad, 20 mar. (Apcom-Nuova Europa) - Ha già preso il via nel Lontano Oriente e prosegue in tutta la Russia oggi una delle prime proteste 'generali' per il Paese, indicata da Radio Eco di Moca come "Dies Irae". Il primo corteo a Vladivostok, Lontano Oriente, ha visto la partecipazione 1.500 persone, secondo Ria Novosti. Il potere centrale ha cercato di adottare un atteggiamento conciliante di fronte alla protesta popolare, poco politicizzata, molto spontanea e generata dalle ristrettezze economiche generate dalla crisi. Si manifesta in 50 città dalla parte orientale del Paese sino all'estrema appendice occidentale, Kaliningrad. Nelle Primorye l'opposizione chiede un'assistenza sanitaria abbordabile e un'educazione gratuita, che le tariffe dei servizi e i prezzi dei generi alimentari non crescano piu velocemente dei salari, e infine, che il governo di Vladimir Putin affronti attivamente i problemi sociali del paese. Alla manifestazione, secondo gli organizzatori, hanno partecipato circa millecinquecento persone, rende noto Ria Novosti. La polizia non è intervenuta nel corso dell'azione, forse perche vi hanno partecipato pure i rappresentanti dell'amministrazione locale, cercando di dimostrare che il potere del territorio vuole un dialogo attivo con l'opposizione. Nell'altra estremità della Russia, invece, a Kaliningrad il governatore Georgi Boos ostenta interesse per l'opinione della gente e ha organizzato una diretta Tv per rispondere alle richieste dei suoi concittadini. Tuttavia molti ritengono tale iniziativa solo una misura di 'facciata' e si troveranno nella Casa dei Soviet, in centro, con mascherine bianche per un 'minuto di silenzio' per "il decesso della democrazia in Russia", secondo una fonte. Nel frattempo le autorità di Mosca nei confronti dell'opposizione sono state meno comprensive. Il raduno in Piazza Pushkin previsto è stato vietato, ma i manifestanti hanno intenzione di organizzare qualcosa in ogni caso.

Cgi

© riproduzione riservata