Mercoledì 05 Maggio 2010

Crisi/ Epifani:Subito piano straordinario triennale per il lavoro

Rimini, 5 mag. (Apcom) - L'Italia è "nel pieno della più grande crisi economica e sociale del dopoguerra", i cui effetti sono particolarmente pesanti sull'occupazione. Per questa ragione è necessario "un impegno straordinario per almeno tre anni" per dare risposte concrete alla "priorità delle priorità". A lanciare un patto per il lavoro è il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, che aprendo il XVI congresso della confederazione si è detto disponibile al confronto con Palazzo Chigi, a partire dal rinnovo dei contratti pubblici, se il Governo si muoverà in questa direzione. Perdiamo davvero quel milione di posti di lavoro che avevamo previsto, di cui un terzo nel Sud - ha sottolineato Epifani - si apre una voragine nell'occupazione giovanile. Nell'industria le assunzioni sono all'80% rapporti di lavoro non stabili e l'occupazione femminile entra in grande sofferenza. Entriamo in una fase di ripresa senza occupazione. Il lavoro deve costituire la priorità delle priorità, il fondamento e l'obiettivo delle politiche industriali, di quelle fiscali e sociali". Il leader della Cgil ha invocato un "piano straordinario per il lavoro e l'occupazione fatto da tre componenti: uno stimolo importante e mirato di carattere fiscale agli investimenti in ricerca, innovazione e formazione; un allentamento del patto di stabilità degli enti locali; e una riapertura del turn over nella scuola, nelle università e nelle pubbliche amministrazioni almeno per tre anni". Di fronte a una disponibilità dell'esecutivo a muoversi in questa direzione "siamo pronti - ha aggiunto Epifani - ad armonizzare i rinnovi contrattuali che vanno definiti nei settori pubblici e nella scuola come una parte dei costi di questa scelta".

Vis-Rbr

© riproduzione riservata