Martedì 08 Giugno 2010

Immigrati/ Unhcr: Preccupati per profughi recuperati da Libia

Roma, 8 giu. (Apcom) - L'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) si è detto preoccupato per la sorte di circa 20 cittadini eritrei, recuperati ieri in mare dalle autorità libiche mentre cercavano di raggiungere Malta. I passeggeri del barcone hanno atteso quasi 24 ore prima che qualcuno raccogliesse la loro richiesta di aiuto, stando a quanto precisato oggi dall'Unhcr. "A bordo c'erano tre donne e un bambino di 8 anni", ha detto il portavoce Melissa Fleming. "Richieste di aiuto sono arrivate domenica sera, anche all'Unhcr, e trasmesse alle autorità marittime maltesi e italiane", ma "la barca non è stato soccorsa se non nel pomeriggio di lunedì, e da navi libiche", ha riferito Fleming. Domenica sera, la barca si trovava "all'interno o vicino alla zona di ricerca e di soccorso di Malta, e soltanto a circa 40 miglia nautiche dall'Italia", ha precisato. "Si è rischiata una drammatica tragedia umana. E ci chiediamo perchè" gli aiuti hanno tardato tanto, ha aggiunto Fleming. Nella stessa conferenza stampa, Fleming ha confermato oggi la chiusura dell'ufficio a Tripoli dell'agenzia Onu, ordinata dalle autorità libiche mercoledì scorso. All'Unhcr non è stata fornita alcuna spiegazione di tale decisione. (fonte Afp)

Sim

© riproduzione riservata