Venerdì 18 Giugno 2010

Immigrati/ Unhcr: respingimenti limitano diritto asilo in Italia

Roma, 18 giu. (Apcom) - I respingimenti dei migranti verso la Libia incidono "gravemente sulla fruibilità del diritto di asilo in Italia". A denunciarlo è il delegato per il Sud Europa dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), Laurens Jolles, precisando come nel 2009 le richieste di asilo in Italia siano state "circa 17.000, poco più della metà rispetto all'anno precedente e la stessa tendenza sembra confermata anche nei primi mesi del 2010". "Una riduzione che può essere attribuita alle politiche restrittive attuate nel Canale di Sicilia da Italia e Libia, fra cui la prassi dei respingimenti in mare - ha detto Jolles, in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato, che si celebra il 20 giugno - il netto calo delle domande di asilo dimostra come i respingimenti anziché contrastare l'immigrazione irregolare abbiano gravemente inciso sulla fruibilità del diritto di asilo in Italia". "I respingimenti verso la Libia, così come i rinvii dai porti dell'Adriatico verso la Grecia, rischiano di oscurare l'impegno delle istituzioni italiane nella buona gestione della procedura di asilo svolta dalle Commissioni Territoriali", ha sottolineato il delegato Onu. Le Commissioni Territoriali sono composte da funzionari del Ministero dell'Interno, da un delegato degli enti locali e da un rappresentante dell'Alto Commissariato e hanno il compito di valutare le domande di asilo e di prendere una decisione, dopo un'audizione individuale.

Sim

© riproduzione riservata