Sabato 26 Giugno 2010

G20/ Orszag ha lasciato Obama per contrasti su taglio deficit(Ft)

Roma, 26 giu. (Apcom) - Peter Orszag, responsabile del bilancio della Casa Bianca, avrebbe rassegnato le proprie dimissioni anche perché non sarebbe riuscito a convincere l'Amministrazione Obama della necessità di affrontare più seriamente il deficit fiscale: è quanto pubblica il quotidiano britannico The Financial Times. E lo scrive proprio oggi, ripercorrendo gli eventi di questa settimana, mentre il tema del deficit è al centro del G20 ai blocchi di partenza a Toronto ed è oggetto di un braccio di ferro fra Washington e l'Europa. I paesi Ue sono ormai decisi al rigore economico e al taglio della spesa pubblica per contenere il deficit; la Casa Bianca di Barack Obama insiste sulla necessità invece di rilanciare l'economia con misure di stimolo. E quindi spese in aumento, altro che tagli. Il responsabile del bilancio non lo ha accettato. Ufficialmente Orszag ha lasciato l'incarico per eccesso di lavoro, ma sta di fatto, osserva FT, che rappresentava il principale esponente del conservatorismo fiscale nell'equipe economica di Barack Obama. Orszag inoltre sarebbe stato in rotta di collisione anche con l'equipe politica di Obama, guidata da Rahm Emanuel, perché era favorevole a infrangere una delle promesse fatte in campagna elettorale, ovvero di non aumentare la pressione fiscale sui redditi inferiori a 250mila dollari l'anno (il 98% della popolazione). Secondo l'ex responsabile del bilancio, rispettare tale posizione obbligherebbe l'Amministrazione o ad effettuare tagli alla spesa draconiani e poco realistici, o ad aumentare eccessivamente il prelievo fiscale sui redditi più alti.

Mgi

© riproduzione riservata