Domenica 29 Agosto 2010

A Messina medici litigano in sala parto: gravi mamma e il bambino

Roma, 29 ago. (Apcom) - Un gravissimo incidente che ha dell'incredibile al policlinico di Messina. Potrebbe essere stato un diverbio sorto tra due medici in servizio in quel momento nella sala parto del Policlinico e la conseguente disattenzione nei confronti della puerpera che stavano assistendo, a causare le gravi complicazioni che hanno portato un neonato a subire due arresti cardiaci, con probabili danni cerebrali e la mamma a subire l'asportazione dell'utero. A denunciare l'accaduto è stato il marito della donna, che ai carabinieri della città dello Stretto ha raccontato come tre giorni fa abbia accompagnato la moglie, di 30 anni, al nosocomio Messinese per dare alla luce il figlio, con un parto che avrebbe dovuto svolgersi in modo naturale. Durante le normali procedure in sala parto, però, secondo la versione fornita dall'uomo, sarebbe scoppiata una lite tra due sanitari che non si sarebbero - secondo l'uomo - dunque accorti in tempo del sopraggiungere di alcune complicazioni. Solo successivamente la donna è stata sottoposta ad un taglio cesareo che, oltre a causare due arresti cardiaci e danni cerebrali al neonato, ha determinato anche un'emorragia alla donna, risolta con l'asportazione totale dell'utero. Il bambino attualmente è ricoverato nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Messina. La Procura, intanto, ha aperto un'inchiesta. "Sebbene ancora non ci siano riscontri oggettivi al racconto fornito dall'uomo - fanno sapere i militari dell'Arma incaricati delle indagini -, stiamo cercando di capire se effettivamente la lite tra i due sanitari sia direttamente connessa con le complicazioni e i danni subiti dalla moglie e dal bambino". La Commissione parlamentare di inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale invierà i Nas al Policlinico di Messina. Una volta conclusa l'istruttoria dei Nas, la Commissione valuterà la possibile apertura di una inchiesta. La sospensione dei due medici ginecologi del policlinico di Messina "è un bene" e la magistratura deve "accertare tutte le responsabilità" perchè quello accaduto al policlinico di Messina, dove una lite tra i due medici che stavano assistendo una puerpera potrebbe essere all'origine delle gravi complicazioni subite dalla donna e dal neonato, "è un fatto gravissimo" e "non ci deve essere alcuno spazio per l'impunità", commenta il chirurgo nonché senatore del pd Ignazio Marino."Sono certo - aggiunge - che i magistrati chiariranno al più presto quanto accaduto a Messina. Si tratta di un fatto gravissimo: tutte le responsabilità vanno accertate, in modo da punire chi ha sbagliato", sottolinea marino, aggiungendo: "Non ci deve essere alcuno spazio per l'impunità e bisogna fare giustizia non solo per la paziente e suo figlio, ma per tutti i siciliani".

Xpa/Cro/

© riproduzione riservata