Mercoledì 08 Settembre 2010

Governo/ Bossi avverte: Per votare pronti a sfiduciare Berlusconi

Roma, 8 set. (Apcom) - Ribadisce che le elezioni sono "l'unica via d'uscita", e che per ottenerle si potrebbe arrivare o alle dimissioni di Silvio Berlusconi o addirittura al voto di sfiducia da parte della Lega; minaccia 10 milioni di persone a Roma contro un eventuale governo tecnico; decreta la morte politica di Gianfranco Fini al quale indirizza anche una pernacchia. Umberto Bossi avverte tutto il mondo politico: alleati, oppositori interni, perfino il capo dello Stato, a tutti mostra i muscoli del Carroccio, determinato più che mai ad arrivare al voto anticipato. Ma il messaggio più esplicito è per quello che dovrebbe essere il suo fedele alleato, quel Silvio Berlusconi da molti descritto dubbioso sulla effettiva opportunità del ricorso alle urne a metà legislatura: per ottenere le elezioni "potrebbe dimettersi, o la Lega potrebbe votare la sfiducia", avvisa Bossi prima che inizi l'ufficio di presidenza del Pdl. L'altro avvertimento è contro il governo tecnico e diretto a Giorgio Napolitano, al quale - gli ricordano i cronisti - spetterebbe la parola in caso di crisi: "Pensate se io e Berlusconi portiamo 10 milioni di persone a Roma...".

Rea

© riproduzione riservata