Lunedì 06 Dicembre 2010

Jackson/ La Toya: Credo che mio fratello Michael sia stato ucciso

Roma, 6 dic. (Apcom) - "Voglio scoprire la verità. Io credo che Michael (Jackson, ndr) sia stato ucciso: è lui stesso, il suo ricordo, a dirmi che è stato ucciso". E' La Toya Jackson, la sorella del Re del Pop, scomparso nel 2009, a confessare i suoi dubbi sulla morte del fratello. "La mia missione è analizzare ciò che è avvenuto, e a questo proposito in famiglia siamo divisi, perché una parte dei miei fratelli mi dice di lasciar perdere", continua La Toya Jackson nell'intervista sulle pagine del numero di 'Chi' in edicola da mercoledì. "I suoi figli, però, hanno il diritto di conoscere la verità: i suoi parenti, i fan, tutto il mondo deve conoscerla. E non credo che si debba dare la colpa solo al medico. La situazione è più complessa di quanto si creda". Proprio dei figli che Jacko ha lasciato, seguita a parlare La Toya: "Stanno bene, sono simpatici, meravigliosi. La cosa più importante è la loro felicità. Paris ama la musica di Michael, ha i suoi poster in camera e commenta sempre: 'A papà piace questo, a papà piace quello'. Ognuno ha la propria personalità e combatte il dolore in modo diverso". Conclude parlando dei rapporti che tengono unita la famiglia Jackson dopo la scomparsa di Michael: "In famiglia siamo in molti e ognuno ha una propria opinione. Siamo più vicini? Sì e no. La famiglia è più vicina, ma ci sono punti di vista diversi, su cui non ci troviamo del tutto d'accordo".

Caw

© riproduzione riservata