Sabato 11 Dicembre 2010

Wikileaks/ Escono files su Papa e Bertone, gelo del Vaticano

Città del Vaticano, 11 dic. (Apcom) - Il Vaticano ha accolto con fastidio e una punta di ironia i cablogrammi di Wikileaks relativi al Vaticano diffusi in queste ore da alcuni quotidiani internazionali ('Guardian', 'El Pais', 'New York Times' e 'Le Monde'). "Senza entrare nella valutazione dell`estrema gravità della pubblicazione di una grande quantità di documenti riservati e confidenziali e delle sue possibili conseguenze - afferma una nota diffusa in mattinata - la sala stampa della Santa Sede osserva che una parte dei documenti resi pubblici recentemente da Wikileaks riguarda rapporti inviati al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d`America dall`Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede. Naturalmente tali rapporti riflettono le percezioni e le opinioni di coloro che li hanno redatti, e - precisa la nota che fa così scuso alle 'fonti' vaticane della diplomazia Usa - non possono essere considerati espressione della stessa Santa Sede né citazioni precise delle parole dei suoi Officiali. La loro attendibilità va quindi valutata con riserva e con molta prudenza, tenendo conto di tale circostanza". Segno della poca attenzione che il Palazzo apostolico intende tributare alle informative Usa, l''Osservatore romano' in edicola il pomeriggio non riporta la nota mattutina e non dedica alla vicenda neppure una riga. A titolo preventivo, il giornale vaticano aveva scritto alcuni giorni fa che i cablogrammi "non sembrano in grado di modificare sostanzialmente i rapporti tra gli Stati Uniti e le diverse diplomazie mondiali". Sostanzialmente no, ma con la Santa Sede emerge qualche increspatura. (segue)

Ska/Sim

© riproduzione riservata