Sabato 01 Gennaio 2011

Crisi/ Al ministero 170 tavoli, Cgil: 200mila posti a rischio

Roma, 1 gen. (TMNews) - Sono ben 170 i tavoli aperti al ministero dello Sviluppo economico per le crisi aziendali e 92 imprese sono in amministrazione straordinaria. Dalla Vinyls alla Tirrenia, dalla cantieristica ai divani, sono tante le aziende e in settori in affanno sotto il giogo della crisi. Questo significa - spiega il coordinatore del dipartimento settori produttivi della Cgil, Salvatore Barone - che i "lavoratori a rischio o comunque coinvolti da questi tavoli di crisi sono circa 200mila", tra dipendenti e indotto. Mentre alcune vertenze, come la Vinyls, sembrano avviarsi verso una soluzione, la maggior parte degli altri tavoli "preoccupa" il sindacato poichè "allo stato" prevale, sottolinea Baroni, una "situazione d'incertezza". Sulle 92 aziende in amministrazione straordinaria, per esempio, secondo il sindacalista della Cgil la percentuale di fuoriuscita dalla crisi è "bassa" e "anche per le situazioni per cui si troverà una soluzione l'occupazione non potrà essere sempre garantita a tutti, perchè comunque ci saranno tagli e ridimensionamenti dell'attività produttiva. Allo stato poche unità possono trovare soluzione".

Cos

© riproduzione riservata