Venerdì 11 Febbraio 2011

Gemelle scomparse/ Ricerche a tappeto in tutta la Corsica

Ajaccio, 11 feb. (TMNews) - Proseguono senza sosta in Corsica le ricerche di Alessia e Livia, le due gemelle scomparse dal 30 gennaio col padre, Matthias Scheep che si è poi suicidato il 3 febbraio a Cerignola. Proprio il 3, Scheep, in una lettera inviata alla moglie Irina Lucidi ha detto di avere "ucciso" le bambine preannunciando l'intenzione di suicidarsi. Fonti vicine agli inquirenti spiegano che in Corsica si continua appunto a tentare di rintracciare le gemelline anche se quasi più nessuno si illude di poterle ritrovare vive. Sono decine e decine gli agenti di polizia impegnati nelle ricerche. Oltre a cercare in varie zone dell'isola, gli inquirenti stanno cercando di raccogliere testimonianze a Propriano dove, secondo la stampa locale, un'anziana signora avrebbe affermato di aver visto Scheep e le due bambine "in compagnia di una donna bionda con i capelli chiari di una cinquantina d'anni". Sul terreno le ricerche si concentrano nell'Alta Corsica, nella zona di Cap Corse, a Balagne,a Pianottoli, a Corbara, all'Isola Rossa e, in particolare, a Macinaggio, luogo che Scheep conosceva bene per esservisi recato in vacanza. Sheep aveva fatto la traversata Marsiglia-Propriano il 31 gennaio, con le bambine; era tornato a Tolone, da Bastia, il 1 febbraio, avendo comprato un solo biglietto. Per questo, nelle sue peregrinazioni (non è chiaro come si sia poi spostato fino in Puglia), gli inquirenti ora si concentrano soprattutto sulle 14 ore passate nell''isola bella', da cui le bimbe non sarebbero mai tornate.

vgp-aqu

© riproduzione riservata