Mercoledì 16 Febbraio 2011

Droga/ A Pescara 18 arresti, capo-banda un sorvegliato speciale

Roma, 16 feb. (TMNews) - Diciotto persone sono finite in manette questa mattina in provincia di Pescara, nel corso di un'operazione dei carabinieri che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip dell'Aquila su richiesta della Direzione distrettuale antimafia per associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Personaggio 'chiave' della banda è Salvatore Puccinelli (detto 'totore straccetta'), 55enne napoletano capo dell'omonimo clan camorristico del Rione Traiano di Napoli, dal 2009 sottoposto al regime di sorveglianza speciale con obbligo di dimora a Montesilvano (vicino Pescara), dove aveva anche trasferito la sua residenza insieme alla moglie Angela Savarese e al figlio Ciro. Insieme avevano promosso, costituito ed organizzato un'associazione a delinquere, con tanto di capi e gregari, ognuno con i propri compiti ed il proprio ruolo, finalizzata soprattutto al traffico di droga, in particolare cocaina, che arrivava da Napoli e veniva poi trasferita nelle province di Pescara e Teramo attraverso spacciatori subordinati e collegati all'organizzazione. Puccinelli padre è stato condannato con una pena definitiva con scadenza nel 2051 per associazione mafiosa, una sentenza passata in giudicato e sospesa nell'esecuzione per le precarie condizioni di salute dell'interessato.

Sav

© riproduzione riservata