Mercoledì 16 Febbraio 2011

Milleproroghe/ Via libera Senato al decreto, passa alla Camera

Roma, 16 feb. (TMNews) - Via libera dell'Aula del Senato al Milleproroghe con il voto di fiducia. I sì sono stati 158, i no 136, le astensioni 4. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera, dove è quasi scontata una nuova fiducia, e dovrà essere convertito in legge entro il 27 febbraio prossimo, pena la decadenza. A votare a favore sono stati il Pdl e la Lega, mentre si sono espressi contro la fiducia Pd, Idv, Udc, Fli, Mpa e Api. Dall'aiuto fiscale alle banche in vista dei maggiori vincoli di Basilea 3 alla tassa di 1 euro sui biglietti del cinema; dallo stop della tagliola sui precari alla proroga sul pagamento delle quote latte; dal ripristino (anche se solo in parte) dei fondi per l'editoria e le Tv locali alla tassa sui terremoti e i rifiuti; dal mantenimento del blocco degli sfratti per le famiglie disagiate alla possibilità per Poste italiane di acquistare quote della futura Banca del Sud. Sono queste le principali misure del Milleproroghe che oggi hanno ottenuto il via libera del Senato con il voto di fiducia. Il testo è lievitato e contiene diverse novità rispetto alla versione che era stata varata dall'esecutivo. Tra le norme circolate e poi saltate l'aumento delle soglie dei tassi usurari, le misure per Pompei e lo stop del controllo della Corte dei Conti sugli amministratori della Tv pubblica.

Cos

© riproduzione riservata