Domenica 20 Febbraio 2011

Scuola/ Ora religione, cresce disaffezione studenti: -1% nel 2010

Roma, 20 feb. (TMNews) - Cresce la disaffezione degli alunni e studenti italiani per l'ora di religione cattolica: secondo gli ultimi dati ufficiali, relativi all'anno scolastico 2009/2010, pubblicati dal 'Servizio nazionale della Conferenza episcopale italiana per l'Insegnamento della Religione cattolica', su 6.789.076 alunni e studenti iscritti alle scuole statali di ogni ordine e grado, esattamente il 90% (6.110.007) frequenta le lezioni di religione cattolica. Sembra un buon risultato ma non è così: 15 anni prima faceva religione a scuola il 94,4% degli iscritti. Quel che dovrebbe preoccupare i vescovi è, però, soprattutto il confronto con il 2008/2009: in un solo anno ben 70mila alunni e studenti hanno preferito svolgere l'attività alternativa, che a seconda degli istituti si traduce in lezioni organizzate dalla scuola, studio assistito o approfondimenti individuali. Complessivamente, dei 679.069 che non si avvalgono della religione la maggior parte frequenta la scuola secondaria, dove si sottrae alle lezioni sul cattolicesimo il 16,5%. Alla primaria, invece, appena il 6,3% rinuncia all'ora settimanale di religione. La differenza tra Nord e Sud, inoltre, è davvero ampia: nel settentrione i non avvalentisi sono pari al 15,7%, al meridione la percentuale crolla all'1,9%. Anche se il divario non è una novità (già nell'a.s. 2004/05 al Nord rinunciava il 9,5% degli iscritti, al Sud appena l'1,6%), la 'forbice' territoriale sembra allargarsi progressivamente. Il motivo, oltre che culturale, è anche demografico: al Nord, infatti, è molto più alto numero il numero di alunni appartenenti a famiglie non italiane che professano altre religioni.

Alg/cro

© riproduzione riservata