Sabato 19 Febbraio 2011

Berlusconi/ Ft: Italia, il "Paese arabo" d'Europa

Roma, 19 feb. (TMNews) - Nel mondo arabo "autocrati che sembrano aver governato da sempre stanno tremando: e forse anche gli autocrati eletti dovrebbero stare in guardia" e la Lex Column del Financial Times ha un candidato europeo preciso in mente: il presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi. L'Italia, continua il commento di Ft, "condìvide molte caratteristiche con il mondo arabo: "Un'economia stagnante, una cultura consumata dalla corruzione e dal crimine organizzato e un conflitto generazionale: è controllata da una classe politica gerontocratica arroccata nella politica e negli affari, escludendone i giovani". Passando dal generale al particolare, anche Berlusconi condivide molti tratti del "plutocrate arabo": "E' immensamente ricco, controlla la gran parte dei mezzi di comunicazione ed è circondato da yes-men; sfida apertamente il sistema giudiziario ogni qualvolta questo si pronuncia contro di lui (come talvolta accade)" e come se non bastasse, è "il miglior amico di Gheddafi". Infine, anche la "principale virtù" di Berlusconi è comune fra gli autocrati: "sopravvivere fino all'estremo", strategia sulla cui saggezza tuttavia "Hosni Mubarak potrebbe avere qualcosa da spiegare". "Tutto quel che il presidente del Consiglio dovrebbe fare per mettere fine a questa poco edificante commedia - conclude la Lex - è indire le elezioni: in questo modo, a ridere ultimi sarebbero gli italiani".

Mgi

© riproduzione riservata