Mercoledì 16 Marzo 2011

Csm/ Si parla di Unità Italia, leghista Brigandì esce

Roma, 16 mar. (TMNews) - Le celebrazioni dell'Unità d'Italia non entusiasmano i militanti della Lega Nord: questa mattina nel corso del plenum del Consiglio superiore della magistratura, mentre il consigliere 'togato' Riccardo Fuzio sollevava il tema del 150.mo anniversario dello Stato unitario, il consigliere 'laico' Matteo Brigandì, ex deputato leghista, si è alzato e ha lasciato la seduta per qualche minuto. Alla richiesta di spiegare se il suo fosse un gesto deliberato, Brigandì ha detto al cronista: "Non rispondo". "E' giusto - ha detto dal canto suo il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, rispondendo alla sollecitazioni del consigliere Fuzio - che anche il Csm partecipi convintamente alle celebrazioni del 150.mo anniversario, nella convinzione che anche la magistratura sia stata un elemento propulsivo del processo di unificazione nazionale. È mia intenzione - ha concluso Vietti - promuovere un convegno sul ruolo della magistratura nella storia dell'Unità d'Italia".

Bar/Sar

© riproduzione riservata