Mercoledì 16 Marzo 2011

Giappone/Situazione sempre più critica a centrale Fukushima

Roma, 16 mar. (TMNews) - La situazione è sempre più critica nella centrale nucleare Fukushima-1, colpita venerdì dal sisma/tsunami che ha devastato il nordest del Giappone e al centro della più pericolosa crisi nucleare della storia nipponica. Oggi le autorità nipponiche hanno annunciato che il reattore numero 3 ha registrato un'altra rottura del guscio di contenimento, mandando in atmosfera un fumo bianco radioattivo. E' l'ennesima rottura in una lunga serie di guasti, esplosioni, incendi che stanno interessando sostanzialmente tutti e sei i reattori della centrale più vecchia del Giappone. A preoccupare particolarmente sono però i primi quattro. Le operazioni effettuate dai coraggiosi dipendenti della Tokyo denryoku (Toden), la discussa società elettrica che gestisce l'impianto, sono state rese difficili dagli elevati livelli di radioattività registrati in giornata proprio a causa delle rotture. A un certo punto nella mattinata, sono stati registrati 10,8 millisievert/ora, che sono poi scesi a livelli comunque alti ma meno pericolosi. I circa 50 dipendenti che sono rimasti nella struttura a combattere contro gli incidenti dei reattori - sugli 800 che lavoravano fino a ieri mattina e per lo più sgomberati per motivi di sicurezza - sono stati fatti uscire temporaneamente dall'impianto proprio per l'innalzamento improvviso dei livelli radioattivi. In seguito la Toden ha comunicato che gli operatori presso la struttura sono passati da 50 a 100.

Mos

© riproduzione riservata