Venerdì 01 Aprile 2011

Immigrati/ A Taranto arriva nave Excelsior con 1716 migranti

Taranto, 1 apr. (TMNews) - E' arrivata poco fa nel porto militare di Taranto la "Excelsior", unità navale della compagnia "Grimaldi" partita ieri da Lampedusa. A bordo della nave ci sono 1716 migranti. Le operazioni di sbarco stanno per cominciare e andranno avanti per circa un'ora. Sulle banchine della Stazione navale della Marina Militare, che sta coordinando le operazioni di sbarco, sono pronti 35 bus che serviranno ad accogliere gli immigrati per trasferirli nel campo di Manduria. Nella tendopoli in provincia di Taranto i migranti saranno identificati e solo successivamente, ma non è ancora chiaro quando, potrebbero essere trasferiti in un altro campo di accoglienza che è stato allestito a Palazzo San Gervasio in provincia di Potenza. Una seconda unità navale è attesa a Taranto per le 14 di oggi. A bordo del Catania, questo il nome della nave, ci sono altri 600 immigrati salpati sempre dal porto di Lampedusa alla volta della tendopoli di Manduria. Per le 9 di oggi, invece, il Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesione territoriale, Raffaele Fitto ha convocato a Palazzo Chigi la prima riunione della cabina di regia con le Regioni, i Comuni e le Province sull'emergenza immigrazione. Intanto due cittadini residenti ad Oria, in provincia di Brindisi, hanno presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Taranto nei confronti del ministro dell'Interno, Roberto Maroni, e di altre persone da identificare, in relazione all'allestimento della tendopoli di Manduria, sulla provinciale per Oria. Nella denuncia si legge che il campo sarebbe stato realizzato "in assenza di qualsiasi autorizzazione amministrativa su area sottoposta a vincolo paesistico regionale, a tutela della macchia mediterranea, e su area definita di alta pericolosità idraulica". I denuncianti chiedono anche di accertare se siano stati compiuti reati "anche di natura omissiva" e in tal caso di valutare l'eventuale sequestro dell'area.

AquXta

© riproduzione riservata