Martedì 09 Agosto 2011

Francia/ Un dente umano nell'hamburger, orrore a Angers

Rennes, 9 ago. (TMNews) - Metti che a pranzo trovi un dente nell'hamburger: è successo a Nathalie Dayiot, invitata ieri da un amico, che ha "sentito qualcosa di duro" mentre addentava la carne, e ha sputato il boccone. Era un dente umano di due centimetri, con tanto di corona in metallo: la signora lo ha raccontato al quotidiano Ouest-France. L'hamburger, con altri tre, era stato comprato ieri mattina in un supermercato Carrefour di Angers, cittadina della Francia nord occidentale. Era in una vaschetta di plastica sigillata. E adesso si incrociano le accuse: tanto più che dei quattro commensali, due hanno accusato sintomi di intossicazione - non si sa per per la qualità della carne, o per il disgusto provocato dall'insolito reperto. L'acquirente e padrone di casa, Romuald Brut, vuole vederci chiaro: ha chiesto l'intervento delle forze dell'ordine e promette una denuncia all'Authority per la concorrenza, il consumo e la repressione delle frodi. Si dice pronto a far effettuare l'esame del Dna a tutta la famiglia per dimostrare che quel dente "non veniva da noi". E già, perchè in epoca di tracciabilità il problema è proprio la provenienza del dente. Così la direzione del Carrefour si dice pronta a incontrare i malcapitati consumatori ma mette le mani avanti: "La tracciabilità del prodotto ha permesso di risalire fino al fornitore e al sito di fabbricazione", un'azienda di Quimperlé. Tuttavia "in base alle verifiche, appare impossibile trovare un corpo estraneo di questo tipo, date le procedure di controllo molto rigorose della fabbricazione di un hamburger. La carne viene tritata, refrigerata, passata al metal detector". L'immagine è inquietante. Ma Carrefour spiega che "l'inchiesta prosegue per cercare di capire la provenienza di questo corpo estraneo"; nel frattempo, "l'intero lotto di prodotti non era più in commercio ieri sera", vale a dire che tutti gli hamburger della partita sono stati tolti dagli scaffali. Il supermercato comunque precisa di aver contattato "il cliente" per trasmettergli le sue scuse per questa "situazione eccezionale", proponendogli inoltre un incontro con il servizio consumatori. L'avvocato dei malcapitati acquirenti, Julien Roulleau, da parte sua ha dichiarato che l'intera partita di carne è stata sequestrata dall'Authority per la repressione delle frodi, perché "a parte il dente, è importante sapere se la carne era commestibile". (fonte Afp)

Aqu

© riproduzione riservata