Martedì 30 Agosto 2011

Libia/ Msf, centinaia di migranti e rifugiati bloccati a Tripoli

Roma, 30 ago. (TMNews) - Centinaia di migranti e rifugiati sono bloccati a Tripoli in condizioni disperate e senza assistenza. L'allarme arriva da Medici senza frontiere, che annuncia l'arrivo in Libia di un'imbarcazione con un carico di 10 tonnellate di aiuti medici e logistici. "Molte di queste persone erano già fuggite dai combattimenti nei loro paesi d'origine, come la Somalia, il Sudan e altri paesi africani" ha commentato Simon Burroughs, coordinatore dell'emergenza per MSF a Tripoli, ricordando che al momento "sono tutti intrappolati, senza un posto in cui andare". A Tripoli, l'organizzazione medico-umanitaria opera in due diversi campi di fortuna: uno allestito in una base militare abbandonata dove si trovano almeno 1000 rifugiati e migranti, e un altro in una fattoria dove sono nascosti 200 civili. A Msf, molti di loro hanno raccontato di non aver lasciato i campi per il timore di persecuzioni e arresti, e di essere stati minacciati da uomini armati. Msf, che offre assistenza sanitaria in due strutture mediche a Tripoli oltre che a Bengasi, Misurata e in diverse località in tutto il Paese, ha lanciato un appello perchè i confini internazionali restino aperti. E perchè i Paesi confinanti, e quelli europei, "garantiscano l'accesso alle procedure d'asilo" a migranti e rifugiati.

tiz

© riproduzione riservata