Martedì 01 Novembre 2011

Crisi/ Cgil: Momento drammatico, serve nuovo governo

Roma, 1 nov. (TMNews) - "La giornata di oggi conferma una convinzione che abbiamo da tempo: siamo dentro una profonda crisi europea alla quale si aggiunge una ormai drammatica crisi italiana, enfatizzata dalla fragilità e dalla mancanza di credibilità di un governo che sta portando i nostri titoli pubblici ad una situazione di insostenibilità. La pressione esercitata dai mercati non è diretta solo al nostro paese ma è indirizzata verso il governo che è la parte preponderante del problema". Così in una nota la Cgil sull'andamento dei mercati e le pressioni speculative sui titoli di stato che si registrano oggi. Per il sindacato di corso d'Italia "è ormai evidente che sul piano europeo occorre definire nuove scelte che non sono quelle stabilite dall'ultimo vertice di Bruxelles. L'attuale Patto di stabilità e crescita europeo va ridefinito perché è evidente che non sta garantendo né la stabilità né in alcun modo la crescita del sistema europeo. Così come è evidente che in Italia occorre un nuovo quadro politico che tragga forza da un nuovo voto popolare". La Cgil sottolinea inoltre che "è indispensabile un nuovo governo del paese che abbia la forza e la credibilità di ridiscutere le politiche europee con gli altri paesi e che imposti una nuova politica economica per l'Italia. Serve pianificare e attuare scelte di politica industriale, investire nella crescita attraverso scelte strategiche che guardino alle infrastrutture e all'energia, proteggere il lavoro che c'è e crearne di nuovo, guardando ai giovani, alle donne e al Mezzogiorno del paese".

Pie

© riproduzione riservata