Lunedì 21 Novembre 2011

Sudafrica/ Gordimer: stiamo tornando ai tempi dell'apartheid

Città del Capo, 21 nov. (TMNews) - Il Sudafrica rischia di tornare ai tempi bui dell'apartheid, se domani il Parlamento approverà il progetto di legge che prevede di classificare i documenti di Stato e minaccia di mandare in prigione i giornalisti che li pubblicano. L'accusa arriva dal Premio Nobel per la letteratura, Nadine Gordimer, protagonista della lotta contro il regime segregazionista al potere fino all'inizio degli anni '90 e da sempre vicina all'African National Congress (Anc), dal 1994 al potere. "L'Anc sta riportando il Sudafrica indietro, agli anni dell'apartheid in cui la libertà di espressione veniva soppressa", ha detto la scrittrice alla France presse. La legge intitolata 'Protezione delle informazioni di Stato' è in discussione dal 2008 e da due mesi è al centro di un acceso dibattito politico. La norma prevede fino a 25 anni di carcere per quanti divulgano o entrano in possesso di documenti classificati. Il testo deve essere approvato dalle due camere del Parlamento prima di essere ratificato dal Presidente Jacob Zuma. Già ieri Gordimer era intervenuta contro il progetto di legge, stando a quanto riportato dal quotidiano sudafricano The Times: "La gente ha combattuto ed è morta per avere la possibilità di una vita migliore, rovinata e sporcata dalla corruzione. Le pratiche corrotte e il nepotismo praticate dagli uomini politici possono essere svelate solo se abbiamo la libertà di espressione". (fonte Afp)

Sim

© riproduzione riservata