Martedì 06 Dicembre 2011

Istat/Per giovani basta leggere o uscire:tempo libero su Internet

Roma, 6 dic. (TMNews) - Rispetto a vent'anni fa passiamo meno tempo a mangiare, dormire e per la cura personale. Per gli occupati è cresciuto il tempo dedicato al lavoro, rimane stabile quello per il tempo libero e aumenta quello per gli spostamenti. Per gli anziani, invece, è aumentato il tempo libero e quello dedicato agli spostamenti, mentre cala il tempo dedicato al lavoro retribuito. Gli studenti dedicano meno tempo a istruzione e formazione e più al tempo libero e agli spostamenti: in particolare leggono di meno e passano più tempo a navigare su Internet che stare all'aperto. È quanto emerge dal dossier dell'Istat 'Cambiamenti nei tempi di vita e attività del tempo libero - anno 2008/2009', pubblicato oggi. La ricerca riporta i risultati della terza rilevazione multiscopo sull'uso del tempo, condotta tra il 2008 e il 2009 (40.944 interviste), confrontata con i risultati della rilevazione 1988-1989 e mostra l'evoluzione nel modo in cui i cittadini organizzano la propria giornata. Negli ultimi vent'anni in un giorno medio settimanale degli studenti - cioè un giorno teorico calcolato su base annua e che tiene conto sia dei feriali sia dei festivi - si è contratto il tempo dedicato all'istruzione e formazione (19' in meno al giorno) e quello per le attività fisiologiche (cioè dormire, mangiare e cura della persona: 16' in meno. In particolare a diminuire è stato il tempo dedicato al sonno -11' e alla cura della propria persona -6'. Stabile il tempo dedicato ai pasti). E' pressoché scomparso il tempo dedicato al lavoro retribuito e sono aumentati tempo libero (+33') e spostamenti (+23'). L'analisi dell'andamento dell'uso del tempo degli occupati evidenzia alcune similitudini con quello degli studenti. Anche per gli occupati diminuisce il tempo dedicato a dormire, mangiare e alla cura di sé (-27') e aumenta quello dedicato agli spostamenti (+17'). Anche per gli occupati a contrarsi maggiormente è il tempo dedicato al sonno (-13'), ma diminuisce anche il tempo dedicato ai pasti (-10'), mentre è pressoché immutato il tempo dedicato alla cura della persona. A differenza degli studenti che vedono il tempo per la formazione diminuire, per gli occupati cresce il tempo dedicato al lavoro (+12'), mentre rimane stabile la quota di tempo libero.

Sav

© riproduzione riservata