Venerdì 09 Dicembre 2011

Clima/ Artico, orsi bianchi costretti al cannibalismo

Roma, 9 dic. (TMNews) - Un orso bianco che trascina il corpo di un cucciolo appena ucciso nella tundra artica: la foto scattata nelle isole Svalbard conferma che nei periodi di scarsità di cibo i predatori non disdegnano il ricorso al cannibalismo. "Questo genere di predazione intraspecie si è sempre verificata ma ora il numero di osservazioni è aumentato, specie in zone dove gli orsi polari sono rimasti isolati e senza cibo per lunghi periodi di tempo, a causa della scomparsa del ghiaccio polare dovuta al riscaldamento globale", spiega alla Bbc Jenny Ross, autrice dello scatto. La riduzione della superficie dei ghiacci artici - che in futuro potrebbe scomparire completamente nei mesi estivi - ha di fatto isolato numerosi esemplari di orsi, privati dell'ambiente dove cacciare le loro prede preferite, le foche. Di qui la ricerca di spazzatura o avanzi lasciati dall'uomo, oppure di uccelli marini: "Nessuna di queste fonti alternative è in grado di fornire loro sostentamento, ma le cercano ugualmente. Uccidere un altro orso è una maniera di nutrirsi, probabilmente abbastanza facile per un maschio adulto: e sembra che a causa della diminuzione del ghiaccio artico questo tipo di comportamento stia diventando più comune", ha concluso Ross.

Mgi

© riproduzione riservata