Martedì 16 Giugno 2009

Confederations; Egitto-Brasile, Fifa: Non è stata utilizzata tv

Roma, 16 giu. (Apcom) - Nessun aiuto dalla tv, hanno fatto tutto arbitro e guardalinee. Analizzando la documentazione pervenuta dalla federcalcio egiziana ed i referti della quaterna arbitrale, la Fifa non assumerà alcun provvedimento in merito alla decisione presa ieri dall'arbitro inglese Howard Webb al 90' di Egitto-Brasile, che dopo avere inizialmente concesso calcio d'angolo, ha quindi espulso il giocatore Ahmed El-Mohamadi per avere respinto con un braccio sulla linea di porta una conclusione del difensore brasiliano Lucio e quindi concesso il calcio di rigore poi trasformato da Kakà per il decisivo gol del 4-3 in favore della Selecao a Bloemfontein nel match della prima giornata del Gruppo B di Confederations Cup. La federcalcio egiziana ha protestato nei confronti della Fifa ritenendo che la decisione sia stata presa dopo un colloquio tra il quarto uomo, che aveva visto nel frattempo il replay dal monitor, e l'arbitro. La Fifa ha però oggi respinto l'appello affermando che la corretta decisione è stata presa grazie ad un efficiente lavoro di squadra tra arbitro e primo assistente, Mike Mullarkey. Il guardalinee, secondo la Fifa, aveva una chiara visuale del fatto ed ha avvertito l'arbitro. Motivazione alquanto debole, visto che il fallo di mano è stato commesso dal calciatore egiziano sul palo opposto rispetto alla fascia laterale coperta da Mullarkey. "Non l'avevano visto né l'arbitro né i guardalinee, sembra che glielo abbia detto il quarto uomo tramite il collegamento radio", aveva detto ieri dopo il match l'attaccante brasiliano Luis Fabiano.

CAW

© riproduzione riservata