Domenica 19 Luglio 2009

Bergamo, ragazzo pestato su bus: Fn propone 'taglia'

Roma, 19 lug. (Apcom) - Forza Nuova ha promosso una 'taglia' a favore di chiunque fornirà informazioni per identificare chi ha aggredito lo scorso 11 luglio su un pullman del consorzio Atb a Bergamo un ragazzo su un pullman e chi ha picchiato un 17enne in via Sant'Orsola, sempre a Bergamo. Lo si legge in una nota della sezione di Bergamo del partito di estrema destra che specifica che la 'taglia' andrà a chiunque, nella comunità degli immigrati visto che si presume che gli autori di entrambe le aggressioni possano essere extracomunitari, parlerà fornendo indicazioni utili all'identificazione degli aggressori. "Chiunque, nel rispetto della legge e vincendo i propri timori - si legge nella nota di Forza Nuova - sia in grado di fornire informazioni utili all`identificazione dei soggetti coinvolti nelle due aggressioni di Bergamo città, avrà tutta la gratitudine del movimento e una ricompensa adeguata". Quanto questa ricompensa sia "adeguata" non è precisato. Oltre ai due episodi, nella nota Forza Nuova cita anche la violenza sessuale subìta da una 22enne di Sondrio adescata da un operaio marocchino di Urgnano via Internet e la donna segregata in casa da un immigrato pachistano a Torre de` Roveri, che la teneva chiusa in casa per costringerla a sposarlo. Da Fn arriva anche un appello alla giunta comunale bergamasca per risolvere il "problema della sicurezza nel cuore pulsante della città. Non è un caso che due dei quattro episodi di violenza riguardino il centro di Bergamo. I cittadini sono esasperati da una situazione che vede il centro vitale della città sempre più simile ad una terra di nessuno". "Consci del fatto che se Forza Nuova non avesse rilanciato sulla questione pochi sarebbero venuti a conoscenza dei fatti - spiega Dario "Astipalio" Macconi, responsabile provinciale del partito - confermiamo che la sezione bergamasca di Forza Nuova offrirà una ricompensa a chiunque, nel rispetto dei limiti imposti dalla legge, offrirà agli organi preposti informazioni utili all'identificazione dei magrebini implicati nel pestaggio avvenuto, sul bus Atb, ai danni di un 17enne bergamasco". L'iniziativa, precisa Fn, è partita "dopo un week end di fuoco che ha visto in tre giorni quattro episodi di violenza immigrata ai danni di italiani, e che dimostra una volta di più l'ingovernabilità alla quale sono state consegnate alcune realtà cittadine". "La nostra iniziativa - continua Macconi - accompagnata ad un appello alla giunta comunale, non è un rigurgito razzista, è semplicemente la presa di coscienza circa le problematiche sviluppatesi nel centro urbano nel corso degli ultimi anni".

Apa

© riproduzione riservata