Sabato 31 Dicembre 2011

Volvo V60 ibrida
Conto alla rovescia

L'interesse suscitato nei sondaggi avviati da mesi lascia prevedere il «tutto esaurito» per la prima serie della V60 plug-in, l'ibrida diesel ricaricabile che rappresenterà nei prossimi mesi il modello tecnologicamente più avanzato mai proposto dalla casa automobilistica svedese.

La produzione entrerà nel vivo dall'autunno 2012, con volumi limitati a 1000 unità per questa prima serie e le auto saranno disponibili con specifiche «Pure limited», incluso il livello più elevato di allestimento, il livello «Summum». È già noto il prezzo, che partirà da 57.000 euro a seconda del mercato dove sarà commercializzata. La fase di prevendita scatterà dall'inizio del 2012.

«Dai diversi Paesi provengono segnali di enorme interesse. Siamo convinti che le prime mille unità saranno vendute già prima dell'inizio della produzione», ha dichiarato Stefan Jacoby, presidente e ceo di Volvo Car Corporation, che ha aggiunto: «Grazie alla V60 ibrida plug-in potremo consolidare ulteriormente la nostra leadership nell'ambito delle vetture ecologiche. Nessuno dei nostri concorrenti è in grado di offrire ai clienti un'automobile che eleva la tecnologia ibrida a un livello totalmente nuovo».

Nel dettaglio, la Volvo V60 ibrida plug-in è il risultato della stretta collaborazione fra Volvo e l'azienda energetica svedese Vattenfall. Il progetto di sviluppo è stato cofinanziato dalle due società. Il mercato più grande sarà quello dei Paesi nordici e dopo il primo lotto di 1.000 unità, in uscita nel 2013, la produzione della V60 ibrida plug -in passerà a 4.000-6.000 vetture nel 2014.

Dal punto di vista ambientale, l'ibrida plug-in innova la prima generazione di automobili ibride, che in linea di principio riducono le emissioni di anidride carbonica di circa il 15% rispetto a uno stesso modello senza sistema di propulsione misto. In modalità ibrida, il pacco batterie ricaricabile di grandi dimensioni della V60 emette il 65% in meno di anidride carbonica rispetto a una V60 convenzionale con uguale motore diesel: 49 g/km.

Questo valore corrisponde a un consumo di carburante di soli 1,9 litri/100 km. In aggiunta, semplicemente azionando un tasto, il conducente può scegliere se percorrere fino a 50 chilometri utilizzando esclusivamente l'energia elettrica o se avvalersi della capacità combinata del motore diesel e di quello elettrico per sfruttare tutti i vantaggi di un sistema di propulsori che eroga una potenza di 215 + 70 cv.

L'equipaggiamento standard include il servosterzo a portata variabile, la regolazione elettrica del posto-guida, i sensori di ausilio al parcheggio anteriori e posteriori, il collegamento Bluetooth per cellulare e il sistema Volvo on Call. La dotazione standard comprende anche il sistema audio High performance multimedia dvd con amplificazione 4x40 W, otto casse e schermo da sette pollici. La trazione delle ruote anteriori della V60 ibrida plug-in è affidata a un'unità turbodiesel a cinque cilindri da 2,4 litri che eroga 215 cavalli.

L'auto dispone di trasmissione automatica a sei velocità. L'asse posteriore è azionato da un motore elettrico da 70 cavalli. Il motore elettrico è alimentato da un pacco batteria agli ioni di litio da 11,2 kWh ubicato sotto il piano di carico. Il pacco batteria è composto da 10 moduli, ognuno contenente 20 celle.

Il conducente sceglie la modalità di guida preferita tramite tre pulsanti posti sul cruscotto che conferiscono alla vettura tre «temperamenti» completamente diversi: Pure, Hybrid o Power. In modalità «Pure» l'auto è alimentata solo dal suo motore elettrico fin quando è possibile. Se la batteria è stata ricaricata utilizzando energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, allora l'autonomia di guida arriva a 50 km senza alcuna emissione di anidride carbonica. L'autonomia della batteria dipende dal fondo stradale, dal clima e dallo stile di guida.

«Hybrid» è la modalità predefinita ogni volta che si mette in moto l'auto. Il motore diesel e quello elettrico interagiscono per ottenere l'equilibrio ottimale tra il piacere di guida e il basso impatto ambientale. L'autonomia complessiva dell'auto, in questo caso, arriva a 1000 km.

Selezionando «Power» la tecnologia è ottimizzata per far sì che l'auto offra le migliori prestazioni possibili. La Volvo V60 ibrida plug-in può essere ricaricata tramite una normale presa di corrente (230 V/6 A, 10 A o 16 A) a casa o in un parcheggio attrezzato. Il tempo di ricarica dipende dal livello della corrente. Una carica completa a 10 A richiede 4,5 ore. Il tempo si riduce a 3 ore con 16 A, mentre per una ricarica a 6 A sono necessarie circa 7,5 ore.

Per iniziare comodamente il viaggio, il conducente ha la possibilità di preriscaldare o rinfrescare l'abitacolo durante il processo di ricarica. Premendo il pulsante Awd (trazione integrale) sulla console centrale si attivano le quattro ruote motrici elettriche. L'Awd elettrico è stato concepito per garantire una migliore aderenza in caso di partenza o di guida su terreni scivolosi, ad esempio in caso di neve o su fondo fangoso.

Daniele Vaninetti

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags