Venerdì 01 Febbraio 2013

F1, Ecclestone sul Gp d'Italia 2013
«Monza ora rischia, è complicato»

Monza - «Monza ora rischia». La sintesi dell'intervista rilasciata da Bernie Ecclestone alla Gazzetta dello sport alimenta i dubbi sul futuro della gara italiana di settembre. Lo fa rispondendo a una domanda sulla rimozione dalla direzione dell'Autodromo di Enrico Ferrari, coinvolto nell'inchiesta giudiziaria della Procura e indagato anche per usura.

«Non capisco cosa stia realmente accadendo - ha detto il patron della Formula 1 - stimo molto Ferrari, col quale da oltre vent'anni discuto il contratto del Gp d'Italia. È grazie a lui che Monza ha ottenuto un trattamento economico di favore rispetto a tutte le altre gare europee. Nessuna corsa costa poco sul continente come il Gp d'Italia. È un tipo duro negli affari, ma competente, diretto, pulito».
Una fiducia ribadita anche dopo aver chiesto di chi ha sostituito Ferrari: «Turci? Non lo conosco e non lo invidio, perché Enrico era un uomo chiave: il futuro di Monza con la F1 si fa molto, molto, più complicato…».

c.pederzoli

© riproduzione riservata