Camion abbatte muretto ad Asnago  «Aiutatemi a trovare il pirata»
Il camion ha sradicato parte del muro e della recinzione

Camion abbatte muretto ad Asnago

«Aiutatemi a trovare il pirata»

Una residente di via Conciliazione a cantù ha scoperto il danno alla sua casa lunedì alle 17: «Potrebbe essere un veicolo dei cantieri di Cermenate»

Qualcuno è andato a sbattere contro il muretto della sua abitazione, e se n’è andato senza fare nessuna constatazione, amichevole o meno che fosse. Per questo oggi Antonella Molteni lancia un appello ai responsabili o a chi possa avere assistito alla scena, per vedersi risarciti i danni.

Un copione che, da queste parti, sembra diventato consueto. La signora, infatti, vive al 21 di via Conciliazione, all’angolo con la strada che corre lungo la ferrovia. Proprio qui, un paio di settimane fa, un autocarro, percorrendo la strada sterrata in questione, autorizzato al passaggio dal Comune di Cermenate perché impegnato in un intervento sulla rete del gas, aveva danneggiato una delle cinque travi che reggono l’impalcato stradale del ponte su cui passa la provinciale.

Al punto che, per una settimana, era stato necessario istituire il senso unico alternato. In quel caso, per la cronaca, l’autista aveva subito avvertito dell’incidente, e la Provincia era presto intervenuta.

In quest’altro di caso, invece, accaduto lunedì, l’autore della manovra demolitrice resta anonimo. «Siamo usciti – spiega Antonella Molteni – e abbiamo visto il danno, causato certo da un camion di grosse dimensioni. Ce ne siamo accorti attorno alle 17».

I camion da qui, spiega, continuano a passare, inoltre spesso ci sono auto parcheggiate, nonostante la strada sia stretta, il che potrebbe avere reso difficile la manovra e favorito l’incidente. «Andrò in Comune a Cermenate – continua – perché so che è sul loro territorio che si stanno facendo i lavori, quindi chiederò se possono aiutarmi. Spero che l’autore voglia farsi avanti. Anche perché, viste le conseguenze, credo che anche il mezzo si sarà rovinato, non penso proprio che non se ne siano accorti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA