Dj Francesco, insulti e sputi a Milano  «Mi stupiscono gli invidiosi violenti»
Francesco Facchinetti mentre racconta il fatto su Instagram

Dj Francesco, insulti e sputi a Milano

«Mi stupiscono gli invidiosi violenti»

Lo showman ha riferito di essere stato aggredito da un cinquantenne mentre era fermo a un semaforo

Vittima di odio gratuito con aggressione verbale, Francesco Facchinetti, showman e imprenditore di Mariano. A un semaforo a Milano, un uomo sulla cinquantina si è avvicinato a lui con la macchina, gli ha sputato e gli ha urlato: «Figlio di p..., muori». È stato lo stesso Facchinetti a raccontare l’episodio su Instagram.

«Lo sapete, sono fumantino, le mamme non si toccano - ha detto sul social - io sarei sceso e lo avrei ammazzato di botte, ma il mio collega mi ha detto di stare calmo, che eravamo in ritardo e siamo ripartiti. Ho cercato di capire che cosa spingesse un uomo di cinquant’anni a dire a un’altra persona queste cose: il sentimento è quello di invidia distruttiva. Ma l’invidia non cambia il vostro stato sociale, chi invidia è mediocre, e ci vivrete per tutta la vita. La mia vita non cambia, al massimo devo pulire lo sputo che ho sulla macchina, poi rido di voi». Facchinetti ha anche ricordato di non avere più 15 anni, e di non essere a carico del papà Roby Facchinetti, voce dei Pooh, ma di avere 40 anni e l’impegno di diverse aziende in Italia e all’estero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA