In tre conquistano  il Kilimangiaro  Nel nome di Alzate
In piedi Emanuele e Gianfranco Molteni, seduto, primo a destra con il pollice alzato, Matteo Gozzoli

In tre conquistano

il Kilimangiaro

Nel nome di Alzate

Hanno raggiunto quota 5mila e 895 metri portando lo stemma della città fino alla vetta Gianfranco Molteni: «È stata una grande emozione»

La missione: portare in cima al Kilimangiaro, a 5mila e 895 metri, lo stemma del Comune di Alzate, sotto forma di gagliardetto.

Gli alpinisti incaricati: Gianfranco Molteni, 57 anni, muratore in pensione, nonché zio di Emanuele Molteni, 33 anni, anche lui muratore, anche lui di Alzate, anche lui nella spedizione. Con loro, l’amico Matteo Gozzoli, impiegato, 28 anni di Orsenigo. Obiettivo centrato, dai tre. Anche se non è stata una semplice passeggiata. Dai 5mila in poi, l’aria rarefatta ha costretto il gruppo, in ascesa senza riserve di ossigeno, a procedere con cautela. Fino alla gioia delle foto ricordo in vetta.

Per Alzate è un evento che inorgoglisce il Comune. Già nelle scorse settimane, il sindaco Massimo Gherbesi aveva consegnato lo stemma a Gianfranco Molteni. Venerdì sera, una delegazione del Comune - sindaco in testa, presenti anche l’assessore ai servizi sociali Regina Mauri e il consigliere delegato all’ambiente Sergio Molteni - ha atteso all’aeroporto internazionale di Malpensa il volo dei tre alpinisti del Club Alpino Italiano di Erba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA