Incendi in discarica a Mariano  «C’è l’ombra della ’ndrangheta»
L’incendio nella discarica di Cascina Settuzzi del 3 febbraio 2018

Incendi in discarica a Mariano

«C’è l’ombra della ’ndrangheta»

Conclusioni allarmanti sui roghi a Cascina Settuzzi del 3 e 18 febbraio 2018

C’è l’ombra della ’ndrangheta dietro gli incendi alla discarica di Cascina Settuzzi.

E’ questo quanto ritiene l’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano, diretto da Nando della Chiesa. Nelle 261 pagine dedicate al monitoraggio della presenza mafiosa in Lombardia - un report dettagliato, presentato lunedì in Regione Lombardia - si parla anche degli incendi avvenuti a Mariano.

Gli episodi citati, avvenuti all’impianto di smaltimento rifiuti di via del Radizzone, sono quelli del 3 e del 18 febbraio 2018. Anche se in mezzo ce n’è un terzo. Proprio per aver creato una serie sono incendi che fanno alzare il livello di pericolosità delle infiltrazioni della criminalità organizzata. Più temibile a Mariano rispetto ad altre zone della Lombardia.

E quindi, nella mappa, Mariano viene indicata con un pallino rosso scuro, e non semplicemente rosso: un livello sopra i singoli episodi avvenuti anche in altre città. Non solo. La provincia di Como, nella poco invidiabile classifica dell’illegalità nel ciclo dei rifiuti, è sul podio al terzo posto, dietro Brescia e Bergamo. Nell’intera provincia, sono state accertate 41 infrazioni, 37 denunce e 10 sequestri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA