Ozono, Cantù è peggio di Milano  Limiti superati per 5 giorni su 9

Ozono, Cantù è peggio di Milano

Limiti superati per 5 giorni su 9

Dal 7 al 15 giugno in città registrati fino a 147 microgrammi di media: la soglia è 120. Secondo l’Arpa è più pulita l’aria del capoluogo di Regione, che ha sforato solo una volta con 132

Il gran caldo è appena agli inizi, e sembra ieri che ancora ci si lamentava di una primavera avara di belle giornate.Eppure già si registrano problemi, soprattutto per i polmoni, visto che la media giornaliera di concentrazione di ozono a Cantù è anche peggiore di quella di Milano.

E negli ultimi nove giorni, per cinque volte ha superato il valore obiettivo definito in 120 microgrammi per metro cubo d’aria analizzata nella media mobile su otto ore, media calcolata sui dati orari scegliendo un intervallo, appunto, di otto ore.

Scorrendo i dati dell’ultimo mese ci si imbatte, il 4 giugno, in un picco di 194, ben sopra quindi la soglia di informazione, pari a 180 microgrammi per metro cubo come massima media oraria. Una situazione si fronte alla quale la risposta potrebbe essere controlli su attività produttive e traffico. Non una novità, purtroppo. Soprattutto nella zona pedemontana e nella fascia prealpina, dove le emissioni provenienti dalle aree urbane favoriscono la formazione di questo inquinante. E Cantù, già aveva toccato il picco massimo regionale. Peggio di Milano, insomma.

Dati alla mano, negli ultimi nove giorni, nella media mobile su 8 ore il capoluogo lombardo ha superato il valore obiettivo di 120 microgrammi solo una vota – il 14 giugno – arrivano a quota 132. Cantù, invece, l’ha fatto per cinque volte e soprattutto nelle ultime rilevazioni l’ha fatto per tre giorni consecutivi: il 13 con 132, il 14 con 147, il 15 con 133. E se Cantù piange Erba non ride, visto che, sempre all’inizio del mese, ha raccolto il poco ambito record a livello regionale quando la centralina installata in città ha fatto registrare un picco di concentrazioni di ozono pari a 187 microgrammi. una situazione del genere dovrebbero scattare controlli su attività produttive e traffico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA