Villa Besana, il futuro ora e più sereno
Mariano tratta con la nuova proprietà

La Fondazione Porta Spinola ha contattatocon la “Molteni Enrico” di Giussano. Turati: «Dobbiamo ampliare la nostra Rsa e quest’edificio storico confina con il nostro»

Villa Besana, il futuro ora e più sereno Mariano tratta con la nuova proprietà
Uno scorcio di Villa Besana che confina con la proprietà della Fondazione Porta Spinola

Il futuro di Villa Besana è più sereno. Le nuvole nere che si erano addensate in autunno sopra lo storico fabbricato, ubicato nella zona centrale di Mariano, tra le vie Cardinal Ferrari e Matteotti, piazza Roma e via Indipendenza, alla notizia della vendita all’asta, si sono allontanate dopo i primi incontri tra la nuova proprietà e il sindaco Giovanni Alberti e il presidente di Fondazione Porta Spinola, Alessandro Turat i .

Anche se gli interessati si sono affrettati a classificare come un “pour parler” i primi contatti, il percorso si è sicuramente avviato. Villa Besana è stato acquisito all’asta dalla Molteni Enrico&C srl di Giussano, il 9 settembre scorso (la base era di 475mila euro), un’azienda attiva dal 1934 e che si è occupata anche del restauro di importanti edifici storici, “sotto la vigilanza dei Beni Ambientali” come si legge nel sito internet. L’ingegnere Francesco Molteni (che è stato presidente dell’Associazione dei Costruttori Edili della provincia di Como per il triennio 2017-2020 e che l’anno scorso è stato nominato Tesoriere di Ance Lombardia), ha avuto nei giorni scorsi un colloquio con Alessandro Turati.

La Fondazione Porta Spinola è confinante con Villa Besana.«Abbiamo riscontrato un interesse positivo -spiega il presidente della fondazione -.È troppo presto per parlare di progetti ma è emerso che in futuro ci potranno essere delle azioni in comune. Uno degli input del nostro programma quinquennale è quello di poter ampliare, anche sotto l’aspetto numerico, la nostra offerta. E per fare questo dobbiamo ampliare la nostra Rsa. Villa Besana è confinante e potrebbe essere una soluzione».

Turati torna a sottolineare che si è parlato in linea teorica anche se ribadisce che è stato un inizio positivo di un percorso».

«Bisognerà capire se ci sono delle esigenze da mettere assieme e se si potranno condividere delle azioni in comune». Anche l’amministrazione comunale è interessata ai futuri sviluppi di Villa Besana».

Guido Anselli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

True