Sabato 16 Maggio 2009

La Casta ci riduce come l’Argentina

Cara Provincia,
è un fatto che la pressione fiscale in Italia è a livelli tali da frenare notevolmente lo svilluppo e soprattutto in questi momenti di crisi sarebbe opportuno pensarci seriamente.
Esistono due modi per diminuire la
pressione fiscale:
1) Il modo attualmente utilizzato. E’ il più semplice, ed è il cosiddetto "metodo delle parole al vento". E’ il metodo utilizzato attualmente da tutta le nostra bella classe politica di ogni colore e bandiera. Parole tante, fatti zero.
2) Da attendibili fonti di informazione (organismi ministeriali, Confindustria, Confcommercio, Confartigianato, Sole 24 Ore, Fondo Monetario Internazionale, Unione Europea, Banca d’Italia, ecc.) risulta che le voci corruzione, evasione fiscale, organizzazioni mafiose, malaffare a vari livelli, inefficenza assoluta dei quadri dirigenziali pubblici, il colossale parassitismo che grava sullo stato, le spese folli degli enti locali, il mantenimento di spaventose rendite clientelari ed elettorali, ecc.) ci costano una cifra valutabile fra i 150 e i 200 miliardi di Euro all’anno.
Queste non sono parole al vento ma fatti verificabili facilmente.
Ora mi chiedo: si è mai sentito un partito politico mettere in primo piano un Progetto Nazionale di estirpazione di tutto questo iniziando dalle organizzazioni criminali e dalla corruzione? La voce corruzione da sola vale 50 miliardi di Euro l’anno che gravano sulle spalle dei cittadini.
I fatti, non le parole, dimostrano chiaramente che la nostra classe politica di tutti i colori e di tutte le bandiere agisce esattamente nella direzione opposta. Corruzione e malavita organizzata sono saldamente contigui e complici alla classe politica. Chi afferma il contrario è in malafede assoluta oppure è la persona più cieca e ignorante di questo mondo.
Possibile che noi cittadini si debba continuare ad assistere zitti zitti a questo saccheggio vigliacco dei nostri soldi e del nostro futuro? Io propongo di iniziare a livello locale. Ognuno di noi inizi ad incalzare e marcare strettamente gli amministratori locali fin nel paesino più piccolo mettendoli sotto pressione senza sosta, denunciando senza mai stancarsi certe cose che ormai vengono fatte alla luce del sole contando sull’assoluta impunità.
Svegliamoci gente!!! Questi ci stanno mandando in Argentina o peggio!!!
Cordiali saluti.

Aldo Deluigi

p.marengo

© riproduzione riservata

Tags