Domenica 27 Marzo 2011

Brunner, due esami:
Cremonese e Bassano

«Fiducia, condizione fisica e un po' di fortuna: ecco com'è cambiata la partita». L'imbattuto mister Brunner fotografa così la terza vittoria consecutiva. La più difficile probabilmente, certamente la più strana: «Sapevamo che sarebbe stata molto difficile, perché loro venivano da una vittoria con il Pergocrema e perché davanti hanno giocatori molto pericolosi. La nostra vittoria a un certo punto sembrava compromessa, ma poi ci siamo rifatti». Bene l'attacco, forse stavolta c'è stato qualche problema in difesa: «Sul primo gol c'è stato un errore, mentre il secondo dà più fastidio perché la difesa era schierata. Concediamo sempre qualcosa, anche perché non siamo una squadra che può stravincere con tutti».
Poi, i due gol del Como che hanno chiuso la partita: «Ora quando abbiamo il pallone diamo sempre l'impressione che possa succedere qualcosa di positivo. Prima faticavamo, ora sappiamo sempre cosa fare. Questione di fiducia e di condizione». Quattro gol proprio nella domenica in cui mancava Maah, l'attaccante più in forma: «Stiamo trovando i gol di Germinale, che al di là delle qualità come realizzatore è preziosissimo perché fa giocare bene la squadra. Villar è stato bravo, ha grandi potenzialità, finalmente si è visto anche in fase conclusiva, ma è stato fondamentale nell'ultimo passaggio. Lacarra? Ha un fisico devastante, ma ha dimostrato di avere anche buoni colpi». Gol, assist, pericolosità, ma il Como ha messo in mostra anche altre qualità: «Gli attaccanti e gli esterni, quando il pallone l'aveva il Pavia, hanno svolto un grandissimo lavoro di copertura. Si sono sacrificati tutti nel momento in cui il Pavia poteva prendere il sopravvento. E sul 2-2 siamo stati bravi a non farci sfuggire di mano la partita». Prospettive per il Como in chiave playoff? Brunner mette le mani avanti: «Dopo la sosta affronteremo Cremonese e Bassano, due squadre notevoli. Il nostro obiettivo è ripresentarci in campo con la stessa energia e la stessa positività».

n.nenci

© riproduzione riservata